Cosa vedere a Pula in Sardegna

5
Aprile
2016
Cosa vedere a Pula in Sardegna

Pula è l’incontro speciale tra il mare cristallino e l’archeologia, un luogo capace di affascinare gli amanti della natura, degli sport d’acqua e delle affascinanti testimonianze archeologiche della Sardegna.

Questa piccola cittadina è situata sulla costa sud-occidentale dell’isola e ne rappresenta una delle maggiori località turistiche. La sua ricchezza è costituita da un mix di spiagge dorate, alternate ad un centro vivo e affollato durante l’estate, senza trascurare il continuo richiamo alla storia e alle tradizioni del territorio.

Si arriva a Pula percorrendo la bellissima strada costiera panoramica (SS 195) che parte da Cagliari e permette di ammirare il tratto di costa meridionale, circondato da distese di spiagge, residence e tratti di mare dove non è raro ammirare i pescatori immobili e concentrati. Uno dopo l’altro questi particolari scenari si susseguono fino ad arrivare al centro di Pula (circa 30 km dal capoluogo sardo).

Vuoi conoscere Pula? Facciamo un piccolo viaggio alla scoperta di questo territorio che ti lascerà senza fiato.

Le meraviglie archeologiche di Pula: cosa vedere?

A pochi chilometri dal centro di Pula sorge la più antica polis della Sardegna: la città di Nora, fondata nell’VIII sec. a. C. dai Fenici e successivamente occupata da Punici e Romani.

Oggi rappresenta un angolo ricco di fascino sia per il suo valore storico che per quello paesaggistico: Nora sorge sul Promontorio di Capo Pula che si unisce all’isola da una lunga striscia di terra. Arrivando da Cagliari è possibile scorgerne tutte le bellissime sfumature per rimanerne subito stregati.

Oggi Nora è uno dei principali siti archeologici della Sardegna, un vero museo a cielo aperto capace di trasmettere tante emozioni a chiunque decida di passeggiare tra le sue antiche rovine.
Tra le maggiori attrazioni troviamo il complesso termale, la Necropoli con il Tophet, il Tempio di Tanit, dea della fertilità e l’unico esempio di teatro romano in Sardegna, risalente al I secolo. Anticamente destinato a spettacoli e assemblee popolari, oggi è il palcoscenico annuale della manifestazione estiva “la Notte dei Poeti” che richiama nell’isola tante celebrità nazionali ed internazionali appartenenti al mondo della letteratura, della musica e del teatro. In alcune zone del monumento è ancora possibile osservare la pavimentazione in antico mosaico di marmo.

Al centro del Comune di Pula è possibile visitare il Museo Archeologico “Giovanni Patroni” dove è conservata la famosa Testa di Gorgonie, un prezioso reperto trovato proprio nella Necropoli situata a Nora.

Pula è anche un territorio disseminato di numerose torri spagnole: lungo il tratto di costa è possibile ammirare quella del Coltellazzo, sul Promontorio di Pula, quella di San Macario e di Cala d’Ostia, da cui il nostro camping prende nome. Quest’ultima torre, oltre a essere famosa per le merlature, offre la possibilità di ammirare il panorama mozzafiato a picco sul mare.

Naturalmente non si può venire in Sardegna senza ammirare almeno un nuraghe, il simbolo della civiltà antica che per secoli caratterizzò l’isola: nei pressi di Pula è possibile vederne diversi, ma il più caratteristico è quello di Santa Margherita, un esemplare in buono stato di conservazione affacciato sul mare.

E dopo l’immersione della sua storia, facciamo un piccolo tour delle migliori spiagge di Pula e delle altre attrattive del caratteristico paese.

Vacanze a Pula in Sardegna: mare, folklore e natura

Dopo aver arricchito la mente con le meraviglie archeologiche, arriva anche il momento di coccolare fisico e palato.

Certamente non sarà difficile: infatti questo territorio è famoso per la tradizione gastronomica, che può essere conosciuta e assaporata nei tanti ristoranti tipici disseminati nel centro storico e su tutto il territorio di Pula. Tra i prodotti locali più famosi consigliamo di gustare l’olio d’oliva, servito sui crostini di pane fatto in casa, i pomodori camona e i dolcissimi fichi.
Durante l’estate, Pula si riempie di turisti e le strade del centro sono spesso illuminate a festa e ricche di negozi di artigianato che offrono ai turisti tappeti, gioielli e piccoli oggetti decorati.

Anche le spiagge sono adatte a tutti i gusti: Santa Margherita di Pula è una distesa di sabbia riparata dal sole che si tuffa su un mare cristallino e praticamente sempre piatto, perciò adatta anche a famiglie con bambini.

Se invece si desidera fare una gita al mare dopo la visita al sito archeologico si può optare per la spiaggia di Nora, da dove è possibile ammirare le antiche rovine mentre si fa un bagno rilassante nell’acqua trasparente. Il paesaggio incantevole sulla polis, la spiaggia fine e candida e il mare cristallino trasformano questo luogo in un vero paradiso.

Ma le spiagge sono realmente tante e tutte incantevoli: Cala d’Ostia, Cala Bernardini, Cala Marini sono solo alcune. Per conoscerle tutte ti invitiamo ad esplorare questo favoloso lembo di terra e lasciarti attirare dalle sue tante bellezze naturalistiche.

Buona vacanza a Pula!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *